N.17 - Tempo e Narrazione

Polisemia del testo mitologico

Abstract

Il lavoro si apre con un assunto fondamentale nel quale si afferma che la psicoanalisi nasce dallo sviluppo di un tema mitologico e cioè quello Edipico. Come afferma Corrao, uno degli autori/psicoanalisti italiani che maggiormente hanno approfondito il tema del mito e della mitologia, a proposito del mito di Edipo: l’uso fatto da Freud del mito di Edipo ha illuminato qualche cosa di più della natura degli aspetti sessuali della personalità umana, infatti il mito di Edipo è servito a Freud per inventare la psicoanalisi; la psicoanalisi serve a noi per esplorare il mito di Edipo.
Questo è il punto di partenza di un saggio che ha per tema la narrazione in psicoanalisi tra mito e letteratura.  Il metodo d’indagine utilizzato è stato quello di mettere in relazione diverse teorie sul mito attraverso autori (tra i quali Lotman, Lévi-Strauss, Wagner, Kerényi) con orientamenti differenti e per molti aspetti lontani, almeno apparentemente, dalla psicoanalisi. I primi due paragrafi sono dedicati esclusivamente alle formulazioni psicoanalitiche ed in particolare alla edipoidia sofoclea (Edipo re, Edipo a Colono e Antigone) ed ai racconti o miti di fondazione (il mito dell’Eden, prendendo come punto di riferimento oltre alla narrazione biblica anche l’opera di Milton Il paradiso perduto, il mito di Babele, Palinuro nell’opera di Virgilio, il racconto del Cimitero di Ur e aggiungerei in ultimo il mito della Caverna di Platone) raccontati da Bion che li utilizza come mappa esperienziale o schema capace di penetrare, e di farci comprendere, sfere inconsce della nostra psiche.
Il terzo paragrafo è dedicato alla relazione del mito con la letteratura, evidenziando in particolare il pensiero affascinante del semiologo russo, Juri Lotman, e della sua teoria sulla Semiosfera.
Gli ultimi due paragrafi sviluppano il tema mitologico con l’aiuto di uno dei fondatori dell’antropologia, Lévi-Strauss, ed in particolare attraverso l’analisi del mito del Graal nella versione di Richard Wagner. Una stimolante lettura mitologica il cui tema dominante è una comunicazione interrotta o per troppa lentezza o per troppa velocità.
La possibilità di scomporre i temi mitologici utilizzando le grandi unità costitutive o mitologhemi rende la ricerca sul mito estremamente preziosa ma soprattutto utile per esplorare contemporaneamente l’uomo e la società o meglio tutti gli uomini in tutte le società.

 

share

    Comments are closed.