N.42 - Trauma e Gruppo. Lavorare in gruppo con le omogeneità e le differenze

Insieme o separati?
 I gruppi omogenei o eterogenei nel contesto del controtransfert – Commento alla relazione “Dialettica del trauma di guerra” di Maciej Zbyszewski

Abstract

L’autrice descrive i fattori utili, specie nelle fasi iniziali di un gruppo omogeneo con veterani di guerra e vittime di Olocausto e sopravvissuti, come la condivisione della storia traumatica, che restituisce l’uscita dall’isolamento e il riconoscimento di sé e degli elementi prima tenuti segreti. Mette altresì in evidenza alcuni fattori di divisione, come la competizione fra diversi gradi e origini del trauma, e l’uscita dall’uguaglianza come impedimento a svelare altri scenari profondi differenziati, come può avvenire nelle fasi successive del gruppo e nella comparsa dei transfert ostili.

download dell’articolo in pdf

Condividi questo articolo