N.23 - Riflessioni sul gruppo degli adolescenti con particolare riferimento alla situazione traumatica e all’incidente

Adolescenti in ospedale: incidenti e dinamiche psicologiche pre- traumatiche

Abstract

Obiettivo: Esplorare le caratteristiche psicologiche e relazionali di adolescenti ricoverati nei reparti ospedalieri chirurgici e ortopedici in seguito ad incidenti di vario genere, per promuovere la conoscenza dei fattori psicodinamici coinvolti nel rischio di incidenti in adolescenza.

Metodologia: E’ stato studiato un campione di 205 soggetti (tra 14 e 24 anni), appaiato ad un gruppo di controllo di 205 soggetti. Sono state condotte interviste cliniche semi-strutturate da sei psicoterapeuti specializzati in psicoterapia dell’adolescenza; successivamente è stata utilizzata una versione modificata del Defence Mechanism Inventory (DMI). I dati categoriali delle interviste sono stati analizzati con il test del chi quadro e i risultati emersi dalle scale del DMI sono stati esaminati con un’analisi della varianza a due fattori. L’analisi dei cluster dell’intero campione, basata sul punteggio del DMI e su tutte le variabili categoriali eccetto la variabile casi/controlli, è stata svolta utilizzando SPAD.

Risultati: I risultati sono in accordo con le nostre ipotesi: i giovani che hanno avuto incidenti (ed in particolare quelli che ne hanno avuto più di uno) sembrano avere più problemi del gruppo di controllo. Questi problemi investono varie aree delle loro storie presenti e passate. Inoltre, sono emersi due importanti elementi psicodinamici: la qualità della propria autostima ed il modo di affrontare il processo di separazione-individuazione.

Conclusioni: Sono emersi molti elementi che confermano la necessità di non sottovalutare il contesto psicologico nel quale accade l’incidente, specialmente per i ragazzi coinvolti in episodi ripetuti. L’incidente può essere interpretato come l’espressione di una tendenza a “tradurre in azione” problemi e sofferenze che non possono essere affrontati ad un livello psicologico

share

    Comments are closed.