N.44 - Edipo di gruppo e scena primaria nell’epoca della rete

La rete virtuale contemporanea. Edipo errante?

Abstract

Questo articolo indaga come la scena psichica e la figurabilità utilizzata dalla rete somiglino a quelle del sogno. A partire dalla figurabilità presente nella rete web, viene mostrato come la rete metta in contiguità immediata la dimensione più intima della psiche con le dimensioni del collettivo e perfino della massa. La figurabilità della rete mette in opera la transizionalità. Viene mostrato che i legami inter-soggettivi e collettivi si organizzano nella rete secondo un processo dominante: il transferttopico. A partire da questa constatazione, l’articolo studia la presenza dei complessi familiari, dei fantasmi originari e delle imago sulla scena della rete. Questo studio tratta il complesso di Edipo come un meta-complesso che organizza i doni del divieto dato ai bambini. Appoggiandosi sul mito di Edipo e sulla clinica legata alle fughe e all’erranza nei bambini e negli adolescenti privati di qualcosa, lo studio mostra come la rete metta in discussione i legami dei soggetti con l’originario e con le identità e le identificazioni di appartenenza. La messa in discussione dei modi di figurazione e degli effetti di massa nella rete fa risorgere dei comportamenti arcaici che richiedono una nuova modalità di enunciazione delle rinunce pulsionali e dei doni del divieto.

Scarica l’articolo

Langue Française

Condividi questo articolo