N.47 - Polifonia del corpo in psicoanalisi. Il corpo nella ricerca psicoanalitica. Nuove patologie e clinica psicoanalitica

La pelle urla quello che la mia voce non sa esprimere

Abstract

La pelle in quanto prima immagine di noi stessi, primo contatto con il mondo esterno e con nostra madre, è un organo privilegiato nella vita relazionale.

Essa rivela ciò che accade dentro di noi, giacché è un organo visibile che arrossisce, impallidisce, suda, gela ecc. Rappresenta l’organo del tatto, foriero di sensazioni di vitale importanza. La pelle, specchio della nostra anima e dei nostri sentimenti, è una sorta di guscio materno e protettivo.

scarica il pdf

Condividi questo articolo