N.33 - Memoria del futuro

Vivere in un mondo con o senza memoria del futuro

Abstract

L’architetto americano Chipperfield, direttore della 13° mostra di architettura (Venezia 2012), a correggere stravaganze rotture e omologazione che infestano l’architettura contemporanea proponeva come “common ground” della mostra la triplice dimensione della continuità, del contesto e della memoria, specificando che il futuro di ogni nazione è nella sua memoria, concetto che si è materializzato, in altro contesto, nelle parole di un cittadino qualsiasi che chiedendo con calore il restauro di un edificio cinquecentesco danneggiato da un terremoto sosteneva “un paese senza memoria, non ha futuro”.
L’a. suggerisce che fare del futuro l’oggetto privilegiato e accorato della memoria
-significato  forse  estraneo al titolo della trilogia di Bion- potrebbe guidare  le scelte a livello individuale e collettivo, condizionare le politiche e piani si sviluppo,   salvaguardare il territorio e il patrimonio artistico e  offrire  una attenzione costante all’ecologia della mente, quel bene prezioso a cui talvolta sembra  si sia smesso di pensare e che tutto, sembra, concorra a danneggiare.

Download pdf
it-goretti

Condividi questo articolo